Storia

Abbiamo attirato l'attenzione persino di Einstein

1919-1922

Baltzar von Platen e Carl Munters sono due giovani studenti svedesi di ingegneria con un’idea folle. Sono convinti che il miglior modo per creare freddo sia usare il calore. Credono così appassionatamente in questa idea che saltano regolarmente le lezioni per lavorarci. Infine, dopo molti lunghi giorni e notti ancora più lunghe, riescono a progettare un contenitore refrigerante senza compressore, senza parti in movimento e senza ghiaccio. Semplicemente applicando calore a una caldaia, un agente refrigerante circola nel sistema, assorbendo il calore e quindi creando un effetto di refrigerazione.
Quel "contenitore" era il primo frigorifero al mondo.
Baltzar von Platen, Carl Munters, Frigorifero, Frigo, Refrigerazione, Inventori, Svezia, Primo, Assorbimento, Studente ingegneria, Conseguimento, Bianco e nero

1923

Al contenitore viene concesso un brevetto. Persino il grande Albert Einstein rimane colpito e chiama la loro invenzione un colpo di genio. Lo stesso anno Arctic, una società svedese il cui nome non poteva essere più appropriato, acquisisce i diritti di fabbricazione.
Frigorifero, Frigo, Primo, Assorbimento, Vano, Artico, Electrolux, Dometic, Bianco e nero, Vecchio, 1923, Brevetto

1925

Electrolux, un'azienda in espansione del settore elettrodomestici, non tarderà molto a intravedere il potenziale dell’invenzione di von Platen e Munter. Nel 1925, l'azienda acquisisce Arctic. Negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, i frigoriferi trovano il loro posto in tutte le case del ceto medio. Le vendite ammontano a milioni di unità.

Electrolux, Dometic, Azienda, Fabbrica, Lavoro, Lavoratori, Dipendenti, Bianco e nero, Storia, Vecchio, Bicicletta, Bici, 1925, Esterno

1950-1970

Negli anni ‘50, Electrolux inizia a penetrare il mercato del tempo libero, in particolare in America, dove si sta vivendo un imponente boom economico post-bellico. Per rafforzare la sua presenza in un segmento in forte crescita, la società acquisisce innovazioni all’avanguardia e marchi forti ogniqualvolta e ovunque si presenti una buona opportunità di business.

Entro la fine degli anni ‘60, Electrolux assegna un nome alla propria divisione di apparecchi per il tempo libero:
Dometic.

Fabbrica, Electrolux, Dometic, Lavoro, Lavoratori, Dipendenti, Storia, Saldatura, Fabbricazione, Bianco e nero, Vetri

1970-Oggi

Nel 2001, Electrolux vende i propri interessi nel mercato del tempo libero a EQT, una private equityfirm. Dometic ora deve reggersi sulle proprie gambe. E così fa, rimanendo legata alle proprie radici e sviluppando incessantemente soluzioni intelligenti e pluripremiate. Con il progredire del nuovo secolo, diventa sempre più chiaro che sempre più persone nel mondo desiderano vivere in movimento. Per alcuni, come per i conducenti di autocarri, si tratta di lavoro. Per altri, si tratta di tempo libero. Ma tutti condividono le stesse esigenze essenziali, come cucinare, prendersi cura dell’igiene personale e mantenere una temperatura confortevole. Questa semplice verità costituisce le fondamenta del pensiero e dei prodotti Dometic: “Mobile living made easy.”

Nel 2015, Dometic diventa una società per azioni e i suoi titoli vengono quotati alla Borsa di Stoccolma.

Dometic, Fabbrica, USA, Stati Uniti, USA, Elkhart, Indiana, Uomo, Lavoro, Lavoratori, Cavi, Azienda