Le tecnologie di refrigerazione spiegate

Quattro diversi sistemi di refrigerazione per assicurare che sia sempre tutto al fresco. Perché addirittura quattro? Il motivo è che ciascuna tecnologia presenta vantaggi particolari che la rendono adatta per determinate condizioni. Di seguito troverete una breve spiegazione dei principi di funzionamento delle diverse tecnologie.

1. Refrigerazione passiva
La refrigerazione passiva offre un vantaggio unico: non richiede alimentazione di corrente. I contenitori termici sono caratterizzati da un isolamento in poliuretano abbinato a una guarnizione a labirinto, per una tenuta molto efficace. Riempiti di panetti o cubetti di ghiaccio, mantengono il contenuto al fresco per diversi giorni, a seconda dell’utilizzo e del clima esterno.

imageh6zq9.png

Ghiacciaie

  • Non richiedono alimentazione esterna
  • Tengono al fresco il contenuto per diversi giorni, a seconda della temperatura ambiente
  • Efficace isolamento in poliuretano, abbinato a una guarnizione a labirinto a tenuta ermetica
  • Facile da pulire
  • Ottimo rapporto volume/peso


2. Tecnologia ad assorbimento
Una soluzione concentrata di ammoniaca viene riscaldata in un boiler ed espulsa sotto forma di vapore. L’ammoniaca sotto pressione viene liquefatta in un condensatore e fatta evaporare con idrogeno. In tal modo si sottrae calore alla zona di raffreddamento. Successivamente, l’ammoniaca raggiunge l’assorbitore, dove viene riassorbita da una soluzione di ammoniaca insatura. Infine, la soluzione satura fluisce nuovamente nel boiler e il ciclo comincia nuovamente.

absorption cooling 02.jpg

Frigoriferi portatili ad assorbimento

  • Alimentazione a gas, indipendentemente dalla rete elettrica
  • 12 volt DC e 230 volt AC
  • Funzionamento silenzioso
  • Refrigerazione in base alla temperatura ambiente


3. Refrigerazione termoelettrica
Il principio termoelettrico fu scoperto da J.C.A. Peltier nel 1834. Da allora, i dispositivi termoelettrici che sfruttano questo principio sono detti “celle di Peltier”. I sistemi termoelettrici si basano sul fenomeno per cui un flusso di corrente continua tra metalli diversi produce un effetto di raffreddamento o riscaldamento (a seconda della polarità).

La capacità di riscaldamento o di raffreddamento viene ulteriormente potenziata mediante scambiatori di calore e ventole. Questa tecnologia risulta ideale per volumi di refrigerazione medio-piccoli.

thermoelectric cooling 03 (kopia).jpg
Frigoriferi portatili termoelettrici

  • 12 / 24 / 230 V
  • Perfetto funzionamento anche in posizione inclinata
  • Leggeri ed economici
  • Refrigerazione in base alla temperatura ambiente


4. Frigorifero portatile a compressore
I frigo/freezer a compressore utilizzano un refrigerante che passa dallo stato liquido a quello gassoso nell’evaporatore. Il processo di evaporazione sottrae calore dall’interno del frigorifero, con un conseguente abbassamento della temperatura. Il compressore aspira il refrigerante, lo comprime e lo convoglia verso il condensatore. Qui il calore assorbito viene rilasciato nell’ambiente. Il refrigerante torna allo stato liquido e fluisce verso l’evaporatore, dove il ciclo comincia nuovamente.

Compressor cooling 04.png

Frigoriferi portatili a compressore

  • Prestazioni eccellenti anche a temperature esterne estreme
  • Refrigerazione e congelamento
  • 12 / 24 / 100-240 V
  • Bassa potenza assorbita
  • Adatto al funzionamento con energia solare
  • Protezione batteria integrata